Galeotta fu la merendina

Ecco, ci avete beccato.
Lo zio Huppo tornando da un viaggio ha ascoltato una preghiera del mio pancino che voleva provare i nuovi “flauti” alla stracciatella. Ed è infatti tornato portando una scatola della suddetta merenda. Secondo me le scatole erano di più e se le è mangiate lui… ma non lo ammetterà mai.
Comunque… le abbiamo provate io e sorella e sono buonissime. Tanto è vero che Mamma ci ha dovuto portare via la scatola o diventava la prima strage di brioche alla stracciatella della storia.
Non so suonare, ma con i Flauti che musica nel pancino.
Un Puppy con la merenda è un Puppy felice, ricordatevelo.

Festa del Papà

Anche quest’anno abbiamo festeggiato il genitore alto con i capelli rossi detto “Papà”.
Tutto molto buono. E secondo la tradizione della genitrice con bassa con i capelli biondi della “Mamma” che ha preparato le zeppole. Abbiamo aiutato anche io e Tilly ovviamente a farle, o meglio ad assaggiare le crema pasticciera.
E’ stata una bella giornata festeggiata con lo zio grosso con i capelli neri sbiancati detto “Huppo”.
E qui nella foto mi vedete impaziente perché voglio dire al mio Papà che gli voglio bene, e poi ficcare la faccia nel piatto delle zeppole.
La sorella ciccia con i capelli biondi detta “Tilly” era già a fare il riposino del dopo pranzo.

Carnevale 2017

Dunque. La questione è spinosa. Io sono un super eroe. Quindi adesso a carnevale voi vi mettete tutti in costume come la mia sorellina che quest’anno interpreta la bimba che vive con un orso ma incredibilmente a rischiarci le penne è sempre l’orso. Mentre io, vestito da super eroe praticamente non ho nessun costume. Vi mostro la mia vera identità. Perché il costume da semplice bimbo io lo indosso tutti i giorni, e a differenza di Clark Kent non metto nemmeno gli occhiali per nascondervi il mio vero io. A proposito: non è il mio un costume da superman, altrimenti appunto avrei un travestimento. Questa è l’uniforme da super eroe, io prendo i poteri di tutti. Sono più forte io, vero? Buon carnevale, Mamma ha preparato la torta…

Ba bauuu… (in tillico: Cane!!!!)

Ecco, da quando è arrivato Hulkino Cagnino, Tilly non dice altro: aspetta sempre di vedere se arriva lo Zio per giocare con il cane. Tsè. Anche io aspetto ovviamente, ma non per giocare. Qui le cose si fanno serie. E quando il pulcioso entra ecco che mi metto a quattro zampe e lo sfido in corsa o caccia alle palline. Una sfida epica… Hulk contro Vit..Thor…io.
Siamo molto contenti del piccolissimo nella nostra famiglia. Solo che lui è davvero piccolo, più piccolo di Tilly e dopo le sue coccole tra paura e voglia di conoscerlo e le mie sfide a gattoni (che poi si dice “gattoni” quando imiti un cagnolino?) arriva dopo un’ora che è stanchissimo e Mamma e Papà devono proteggerlo mettendolo a risposo nel suo trasportino.
Cosa ci dice tutto questo? Che nessuno, nemmeno Hulkino Cagnino, può battere un Puppy!